Marco Cinque

(Roma ‘57) scrive, fotografa, suona, recita, pubblica saggi, raccolte poetiche, articoli. Attraverso i linguaggi dell’arte veicola tematiche sociali e ambientali, privilegiando nei suoi progetti multimediali le scuole. Ha lavorato nell’area del disagio giovanile, in progetti di formazione (AISE-ENAIP), finanziati dalla regione Lazio e dalla Comunità Europea. Ha promosso la campagna nazionale Adotta un condannato: adozioni epistolari di prigionieri detenuti nei bracci della morte statunitensi. Ha collaborato con musicisti come Maurizio Carbone, Massimo Mollo, Martin O´Loughlin, Marcos Vinicius, Marzouk Mejri; attori come Tecla Silvestrini, Luigi Marangoni, Lorenzo Acquaviva, Stefano Lucarelli; poeti come Jack Hirschman, Lance Henson, Carter Revard, Hawad Mahmoudan, Carmen Yanez, Alberto Masala, Samih Al-Qasim, H.S. Shivaprakash. Ha pubblicato più di 20 libri ed è stato tradotto in inglese, spagnolo e tedesco. Attualmente lavora presso l’archivio de Il Manifesto e collabora con la redazione scrivendo articoli e recensioni sui temi dei diritti umani e sulla discriminazione delle minoranze etniche.