Stefano Raspini

(novembre 1960), nel 1990 ricomincia con la letteratura che gli ritorna come un boomerang grazie all’amico scrittore Giuseppe Caliceti. Dopo aver ispirato al Calice due libri “Fonderia italghisa” e “Battito Animale”, si dirige verso la sua poesia. Pubblica due libri stile millelire “Delirio” e “Antiretina”. Partecipa dal 2001 ai concorsi di poetry slam e talvolta li vince talvolta li perde talvolta non lo invitano per la presenza scenica imbarazzante.